Categoria: Commenti Eleison

AUTORITÁ FORTUNATE

AUTORITÁ FORTUNATE posted in Commenti Eleison on Gennaio 20, 2024

Ma un tale messaggio i governanti di oggi lo ascolteranno?

Forse no, ma la verità sarà stata detta in modo chiaro.

“Se il Signore non edifica la casa, invano faticano coloro che la costruiscono. Se il Signore non sarà il custode della città, invano veglia colui che la custodisce” (Sal CXXVI, 1–2). Tanto più vero per chi gestisce uno Stato! Fortunati i politici di oggi che hanno sacerdoti Cattolici a ricordare loro come servire veramente la loro terra. Ma, ahimè, i politici di oggi difficilmente hanno orecchie per ascoltare queste antiche e importanti verità. Le autorità della Svizzera hanno avuto di recente un sacerdote di questo tipo, un sacerdote svizzero della “Resistenza” che li ha invitati a sottomettere la direzione degli affari del loro Paese all’unico vero Dio Cattolico a cui la Svizzera un tempo era sottomessa. La loro reazione sembra essere stata minima. Come tutti noi, forse dovranno imparare con le cattive. Ma nel frattempo, ecco qui di seguito l’appello di questo sacerdote, abbreviato per i Commenti.

Onorevole Presidente, onorevoli signore e signori recentemente rieletti come Consiglieri Federali, Statali o Locali per il periodo 2023–2027, congratulazioni di cuore per la vostra elezione o rielezione! Permettetemi, in qualità di sacerdote Cattolico degli Apostoli di Gesù e Maria, di rivolgervi una richiesta affinché il governo del nostro Paese torni pubblicamente alla professione e al rispetto della religione Cristiana. In questo modo possiamo sperare nella benedizione di Dio e nella protezione dal male del nostro amato Paese. Ecco quattro pensieri.

1 Nell’ultima grande riunione della più antica di tutte le chiese Cristiane, il Concilio Vaticano II della Chiesa Cattolica Romana, tenutosi a Roma dal 1962 al 1965, molte autorità Cattoliche, di fronte ai nostri tempi senza Dio, hanno ritenuto che fosse meglio modernizzare la Chiesa di Dio. Il problema era individuato correttamente, ma la soluzione fu sbagliata, perché significò, ad esempio, che la religione divenne un affare meramente privato. Un grave errore. Da molto prima della fondazione della Svizzera nel 1291, Gesù Cristo è stato Creatore e Redentore di tutti gli uomini viventi e, fino alla fine del mondo, Signore, Giudice e Re della Svizzera e del mondo intero.

2 Con il deismo, il naturalismo e il liberalismo che hanno tagliato fuori Cristo e la Sua unica vera Chiesa, Cristo è stato abbassato allo stesso livello di tutte le altre religioni, tutto ciò che si suppone soprannaturale ha perso ogni interesse, e l’umanità è stata consegnata alla tirannia degli Stati civili, ormai puramente secolari. Infatti, laddove la maestà dell’unico vero Dio viene eliminata, qualche anti-dio è destinato a prendere il suo posto.

3 A metà del XVII secolo un santo sacerdote Tedesco, il Venerabile Bartolomeo Holzhauser (1613–1658), ebbe dal Cielo visioni dell’intera storia della Chiesa in sette Epoche, compresa la Quinta età dell’Apostasia da Lutero a oggi. Ma noi siamo diventati troppo ciechi per poter vedere i nostri tempi in questo modo.

4 Il Santo Patrono della Svizzera, Nicola di Flue (1417–1487), è famoso per aver detto che “se Dio viene cacciato da uno Stato, questo è destinato alla distruzione”. Così, i 700 anni di esistenza della Svizzera come democrazia Cristiana sono al termine, a meno che non riusciamo a far rivivere la pratica della fede in Dio dei nostri antenati.

Onorevoli autorità del nostro governo, solo Gesù Cristo può portarci in Paradiso. Ne sono testimonianza le chiese, le croci e le cappelle disseminate in tutto il Paese, così come i valori Cristiani ancora sepolti nel profondo della coscienza di molti svizzeri. Ma questi valori vengono soffocati dalla sporcizia o cancellati del tutto, così che il nostro Paese è sulla buona strada per la sua distruzione, come quando tre anni fa il popolo svizzero è stato indotto a votare una legge contraria a Dio e alla natura, a favore del matrimonio omosessuale. Se questa è la libertà di religione e di coscienza, essa porterà alla perdita di ogni religione e di ogni coscienza.

Davanti a noi c’è il Cristianesimo o il Comunismo. Siamo tutti fatti per il Paradiso. Lasciamo che i nostri governanti creino condizioni favorevoli alla Chiesa, e la Chiesa si prenderà cura del nostro popolo e della nostra gioventù. Signore e Signori, governanti tutti, vi chiedo di rispettare i diritti di Dio e della famiglia Cattolica, di professare e promuovere la religione Cristiana e di mantenere la neutralità Cristiana della nostra terra. E che Dio sia con tutti voi. Prego per voi ogni giorno nella Messa e con il Santo Rosario.

Con il più grande rispetto e con tutte le benedizioni, P. Aloysius Bruehwiler .

Kyrie eleison

VIGANÓ SEDEVACANTISTA – II ?

VIGANÓ SEDEVACANTISTA – II ? posted in Commenti Eleison on Gennaio 13, 2024

Se un’anima cerca l’Autorità di Dio, la cerchi

In una sola direzione: la Chiesa Cattolica!

Da quando l’Arcivescovo Vigano, un tempo Numero Quattro della Segreteria di Stato, si è lasciato alle spalle il Concilio Vaticano II e tutti i suoi fasti e le sue opere, alcune sue osservazioni su Papa Bergoglio sono state così caustiche che molti Cattolici si sono chiesti se l’Arcivescovo lo consideri ancora un Papa. Non si è forse unito alla schiera dei “sedevacantisti”, cioè di quei Cattolici che ritengono che la Sede di Pietro sia vacante da quando quel terribile Concilio ha fatto tanti danni alla Chiesa Cattolica? Come è possibile che veri Papi abbiano presieduto quel Concilio provocando i suoi nefasti esiti?

Il problema è angosciante, perché con quel Concilio l’Autorità Cattolica si è separata dalla Verità Cattolica, costringendo i Cattolici ad abbandonare l’una o l’altra, in tutto o in parte, perché non potevano più seguirle entrambe. I Cattolici o si aggrappavano alla Verità e più o meno “disobbedivano” a quella che sembrava essere l’Autorità Cattolica, o si aggrappavano ad una “Autorità” falsificata ed erano più o meno infedeli alla Verità immutabile. Quanto all’Arcivescovo Vigano, per decine di anni dopo il Concilio (1962–1965) è stato fedele ai suoi colleghi e compagni nei più alti ranghi dell’Autorità Ecclesiastica, perché, per sua stessa confessione, “non poteva credere che intendessero distruggere la Chiesa”. Ma nel 2018 ha incontrato una tale corruzione negli Stati Uniti d’America, dove era Nunzio Papale, e anche nella Curia Vaticana, che è stato costretto a cercare la causa proporzionata, e l’ha trovata nel Concilio. Da lì l’ha trovata soprattutto nel Papa Conciliare del suo proprio tempo, il “Gesuita Argentino”, come lo chiama lui, sul quale ha fatto commenti così sprezzanti che molti osservatori sono stati spinti a chiedersi se l’Arcivescovo crede ancora che Bergoglio sia Papa. Vediamo cosa ha detto il 9 dicembre.

Si veda il “Commento Eleison” della scorsa settimana (n. 860 del 6 gennaio) per un riassunto in sei paragrafi di ciò che ha detto, a cui corrispondono i numeri seguenti in grassetto. Meglio ancora le sue parole originali e complete, accessibili sul sito dell’Associazione Exsurge Domine https://exsurgedomine.it/231209-aspicite-ita/

1 Negli ultimi 10 anni, la Chiesa Cattolica visibile è stata convertita alla rivoluzione e al caos.

2 I Cardinali e i Vescovi dovrebbero bloccare questa distruzione, ma sono troppo Conciliari per farlo.

3 L’Autorità della Chiesa, così paralizzata, è spiegabile solo con l’ “operazione dell’errore” prevista per la fine del mondo.

4 Bergoglio è un usurpatore del trono di Pietro. È un falso profeta. Non dobbiamo obbedirgli.

5 Tuttavia, non abbiamo l’Autorità per dichiarare ufficialmente che non è Papa, quindi non c’è una soluzione umana.

6 Non si tratta nemmeno di una battaglia tra soli uomini, e pensarla così significa provocare altri gravi problemi.

Questo è il riassunto più scarno della ricca argomentazione dell’Arcivescovo – si veda l’originale per lasciarlo parlare da solo – ma è sufficiente per chiarire che è lontana dal “sedevacantismo”. Dopo aver argomentato, per la maggior parte del suo discorso (1 – 4), le ragioni contro colui che chiama “Bergoglio”, proprio quando arriva al punto culminante in cui proporrà la sua soluzione (5), sembra come assumere la posizione di molti Cattolici che considerano questo o quel Papa Conciliare, da Giovanni XXIII a Francesco compreso, non essere un vero Papa. Ma questa convinzione, condivisa da molti di loro, non potrà mai equivalere a una dichiarazione ufficiale della Chiesa, e qualsiasi dichiarazione di questo tipo dovrà attendere finché la Madre Chiesa non si sarà ripresa dall’attuale attacco mortale del Modernismo, una malattia mentale a malapena curabile.

Nel frattempo questo apparente rifiuto della causa del “sedevacantismo” por Mons. Viganò è altamente ragionevole, perché salvaguarda nella mente e nel cuore dei Cattolici una misura di rispetto per l’Autorità Cattolica che altrimenti potrebbe andare completamente in fumo. Guai alla Tradizione Cattolica o alla sua “Resistenza” che perdesse ogni rispetto per l’Autorità Cattolica, perché essa deve e tornerà, in piena forza, un giorno, e prima della fine del mondo.

Kyrie eleison

VIGANÓ SEDEVACANTISTA – I ?

VIGANÓ SEDEVACANTISTA – I ? posted in Commenti Eleison on Gennaio 6, 2024

Lettori, preparatevi per la prossima settimana ad analizzare 

Questi pensieri di un uomo di Chiesa, saggio e valoroso.

1 Il 9 dicembre scorso, l’Arcivescovo Viganò ha tenuto un’altra delle sue splendide conferenze, chiedendosi fra altro se Papa Bergoglio sia veramente Papa. Il problema è ben noto ai Cattolici: Negli ultimi 10 anni l’Autorità Cattolica è stata trasformata in autoritarismo arrogante, il sacerdozio di Dio in clericalismo di uomini, e la Verità rivelata da Dio in rivoluzione permanente e caos. 

2 Quanto alle autorità ecclesiastiche che stanno sotto il Papa per aiutarlo a proteggere questa Verità, o sono suoi complici, o hanno talmente paura di lui che le poche voci discordanti non osano trarre le dovute conclusioni, soprattutto perché idolatrano il Vaticano II. Si può criticare Bergoglio e dissentire da lui, ma non dal Vaticano II. Questi bravi uomini non vogliono riconoscere che il processo rivoluzionario che ha permesso a una persona come Bergoglio di diventare vescovo, Cardinale ed infine di entrare in Conclave e di uscire “papa”, è dovuto al Concilio, che per loro è intoccabile. Si è portati a concludere che a certe persone interessa più la dottrina del Papato che la salvezza delle anime. Preferiscono essere governati da un Papa eretico e apostata piuttosto che riconoscere che un eretico o un apostata non può essere capo della Chiesa alla quale, in quanto tale, non appartiene. 

3 Nessun Dottore della Chiesa ha mai contemplato il caso di un Papa apostata come Bergoglio. Una tale enormità poteva accadere solo in un contesto unico e straordinario come quello della persecuzione finale predetta dal profeta Daniele e descritta da San Paolo. E questa “operazione dell’errore” (II Tess. II, 10) è così efficiente e ben organizzata che mostra chiaramente un’intelligenza Luciferiana all’opera. Ecco perché il “problema Bergoglio” non può essere risolto in modo ordinario: nessuna società può sopravvivere alla corruzione totale dell’autorità che la governa, e la Chiesa non è diversa. 

4 Non si tratta nemmeno di una semplice “operazione” di un papa che aderisce a una specifica eresia (cosa che peraltro Bergoglio ha fatto ripetutamente). Abbiamo a che fare con un personaggio inviato al Conclave con l’ordine di rivoluzionare la Chiesa dall’alto della Cattedra di Pietro. È questa maliziosa intenzione di abusare dell’autorità e del potere del Papato, acquisita con l’inganno, che fa di Bergoglio un usurpatore del Trono di Pietro. Non possiamo nemmeno comportarci come se stessimo risolvendo una questione di diritto canonico: il Signore è oltraggiato, la Chiesa è umiliata e le anime si perdono perché colui che siede sul Trono di Pietro è un usurpatore. Il comportamento immutato di Bergoglio – prima, durante e dopo la sua elezione – è una prova sufficiente della sua intrinseca iniquità. Possiamo quindi essere moralmente certi che egli sia un falso profeta? Sì. Siamo quindi autorizzati in coscienza a revocare la nostra obbedienza a colui che, presentandosi come Papa, si comporta come il cinghiale biblico nella vigna del Signore? Sì. 

5 Tuttavia, non possiamo dichiarare ufficialmente che Bergoglio non è Papa perché non abbiamo l’Autorità per farlo. Questa terribile impasse in cui ci troviamo rende impossibile qualsiasi soluzione meramente umana. Il nostro compito non deve essere quello di cimentarci in astratte speculazioni canonistiche, ma di resistere con tutte le nostre forze – e con l’aiuto della grazia di Dio – all’azione esplicitamente distruttiva del Gesuita Argentino, rifiutando con coraggio e determinazione qualsiasi collaborazione, anche indiretta, con lui o con i suoi complici. 

6 Non illudiamoci: chi si ostina a leggere la situazione attuale con occhi puramente umani espone non solo se stesso, ma tutta l’umanità al protrarsi e all’aggravarsi di questa situazione. Non abbiamo infatti da lottare contro la carne e il sangue, ma contro i prìncipi e le potestà, contro i dominanti di questo mondo tenebroso, contro gli spiriti maligni nei cieli della terra (Ef. VI, 12). 

Kyrie eleison.

UN’ ALTRA TESTIMONIANZA

UN’ ALTRA TESTIMONIANZA posted in Commenti Eleison on Dicembre 30, 2023

La giustizia di un Dio paziente colpirà presto,

Rivolgersi ora a Dio è molto opportuno.

Di seguito la testimonianza di un altro convertito che recentemente ha ricevuto molta luce in un mondo inghiottito dalle tenebre dell’orgoglio. L’uomo moderno pensa davvero di aver trovato, con la sua meschina “ragione” e la sua “scienza” materialista, la vera via per la buona vita, e di non aver più bisogno di Dio Onnipotente. Ma Dio non abbandona le sue povere creature umane smarrite, anzi, e il vecchio detto Cattolico Irlandese è più vero che mai, se non di più: l’aiuto di Dio è più vicino della porta. “Se non di più”, perché, come dice la Scrittura, “dove abbondò il peccato, soprabbondò la grazia” (Romani V, 20). Questo non può che significare che l’odierna abbondanza di male intorno a noi deve essere un buon momento per cercare Dio, attraverso Gesù Cristo – “Io sono la Luce del mondo: chi Mi segue, non camminerà al buio, ma avrà luce di vita”. (Gv. VIII, 12). Questo non significa forse che chi non segue Cristo camminerà nelle tenebre? Ecco la testimonianza – 

Consentitemi di scrivere per ringraziare di tutto l’aiuto che ho ricevuto per ritrovare la mia strada verso la vera Fede Cattolica attraverso la Messa in Latino. Sono nato nel 1963, sono cresciuto a Melbourne, in Australia, e sono stato educato al Novus Ordo. Fino a poco tempo fa non sapevo assolutamente nulla del Concilio Vaticano II, né che la Messa e la Fede fossero state alterate in modo così disastroso da portare a un collasso della Chiesa. Ho semplicemente considerato normale il modo in cui la Messa era stata cambiata. In realtà, a vent’anni ho smesso di andare a quella Messa e ho lasciato la Fede, a causa delle distrazioni del mondo e perché sentivo che c’era ben poco che fosse davvero in contatto con il mio spirito. 

È stato solo quando è emersa improvvisamente la “pandemia” di Corona che ho capito che c’era qualcosa di profondamente malvagio nel mondo. Nel corso degli anni, L’ho ascoltata in vari podcast come quello di Andrew Carrington Hitchcock e, quando non era così censurato come adesso, i Suoi sermoni su Iutub. A poco a poco, ho scoperto cosa fosse la vera Fede Cattolica e come la direzione del mondo moderno sia totalmente contraria sia alla Fede che al buon senso. Poi, quando ho visto le quattro parti de “La Confusione Ha Fatto il suo Capolavoro”, tutto ha quadrato. Ho potuto vedere ciò che il Liberalismo e il declino della fede in Gesù Cristo hanno fatto al mondo occidentale: il Liberalismo ha reso il mondo una fogna di malvagità e di follia. 

Alla fine sono tornato alla Messa e ai Sacramenti. Cominciai anche a frequentare la Messa in Latino a Melbourne, dove ebbi un’esposizione molto più ampia al vero Cattolicesimo, e mi resi conto che la ricezione della Comunione e molte altre pratiche del Novus Ordo non sono affatto riverenti. Queste cose sono ovviamente nate con il Vaticano II. Durante le serrate, camminavo spesso con un mio amico e un giorno mi raccontò di quando aveva visto un bagnino di surf avere un infarto mentre nuotava in una spiaggia locale. Mi resi conto che potevo morire in qualsiasi momento e che avrei affrontato il giudizio e l’eternità. 

Oggi il mondo è totalmente malato perché la maggior parte delle persone ha abbandonato la fede in Dio. L’umanità vuole Satana come padrone. Ecco perché gli esseri umani sono stati così facilmente manipolati dalla truffa del Covid con tutte le sue assurde restrizioni, e sono stati anche ingannati nel prendere il siero mortale. Sono grato a Dio per avermi dato molto presto la grazia di vedere attraverso le bugie che i media ci stavano raccontando nella cosiddetta pandemia. 

Sono giunto alla conclusione che il Santo Rosario è l’unica arma che può ribaltare le sorti del male. Ecco perché la Madonna lo invoca sempre. Il mondo sta andando dritto verso l’Inferno e solo l’intervento di Dio Onnipotente può fermare il marciume mortale, e ristabilire l’ordine. Credo davvero che un grande Castigo si abbatterà su questo mondo nei prossimi cinque o dieci anni al massimo, e che i Tre Giorni di Tenebre saranno alle nostre porte molto presto, perché questo è l’unico modo in cui Dio può correggere l’umanità. 

Kyrie eleison

LA CADUTA dell’ EUROPA – II

LA CADUTA dell’ EUROPA – II posted in Commenti Eleison on Dicembre 24, 2023

Rifiutando Dio, gli uomini devono rivolgersi ad altri uomini. 

A breve, la Bellezza, la Verità e la Bontà saranno disprezzate.

La settimana scorsa questi “Commenti” hanno presentato, senza troppe spiegazioni, il riassunto – per quanto possibile – di un eccellente articolo sull’attuale stato di degrado della Francia e dell’Europa, scritto da un nazionalista francese, di nome Militant (per l’articolo originale completo si veda https://jeune-nation.com/nationalisme/natio-france/prenons-un-seul-parti-celui-de-la-france-helleno-chretienne). Un articolo del genere in una rivista politica può sembrare che non abbia molto a che fare con la religione, ma questo è l’interesse di questi “Commenti”. Ciò che questi vorrebbero dimostrare è che i problemi più gravi della politica umana non possono essere risolti senza la religione Cattolica. Dimostrarlo è più facile a dirsi che a farsi, perché l’intera mentalità dell’uomo moderno si basa sull’erronea credenza che la politica, l’economia, l’arte, la medicina, la legge, la musica, ecc . . . . non hanno nulla a che fare con la religione, o che la religione non ha nulla a che fare con loro. In altre parole, la migliore delle argomentazioni politiche non va abbastanza lontano. Cominciamo con un riassunto dell’articolo in sette paragrafi e ancora più breve di quello della scorsa settimana. 

1 La Francia e l’Europa stanno crollando. Noi nazionalisti abbiamo annunciato da tempo la catastrofe. 

2 Dagli anni ‘50 in poi, un disastro politico dopo l’altro ha provocato poche reazioni da parte dell’opinione pubblica. 

3 Fin dal Medioevo la Francia ha esercitato un’influenza mondiale ampiamente benefica – ora non più. 

4 Oggi la Francia e l’Europa si stanno rapidamente asservendo ai banchieri di New York e Londra. 

5 Per mezzo della loro guerra per procura in Ucraina, gli Stati Uniti hanno spezzato la concorrenza dell’Europa e della Germania. 

6 Questa è la fine di un mondo, eppure le più alte istituzioni Francesi sono silenziose, docili, e seguono la corrente. 

7 La soluzione? In politica dobbiamo fare quello che possiamo, preservando i tesori culturali per tempi migliori. 

E ora vediamo se questa soluzione si avvicina a risolvere la catastrofe evocata all’inizio. 

1 Gli uomini che amano il proprio Paese non si accontentano di sonnecchiare mentre viene distrutto. E almeno ai nazionalisti va il merito di riconoscere il grave problema e lanciare l’allarme. Ma se hanno occhi per vedere, devono riconoscere che la “politica”, come oggi è intesa, è fallita, finita, kaputt. Perché? 

2 I nazionalisti, osservando la mancanza di reazioni da parte dell’opinione pubblica, dovrebbero chiedersi: come si può rifare una nazione partendo dagli attuali sub-umani? Che cosa sta provocando il moderno dissolvimento dell’autentica umanità? Cosa può ancora ricostruirla? Una famiglia e una casa solide? Rispetto alla religione, cosa può fare la politica per la famiglia e la casa? Il confronto non regge! 

3 Cari Francesi, guardate bene la gloria della Francia nel Medioevo! Da dove pensate che sia venuta? Dalla politica? Assolutamente no! È venuta dalla Chiesa, e non dai Protestanti Francesi, ma dalla Chiesa Cattolica in Francia che ha ricevuto da Dio doni eccezionali per illuminare il mondo. 

4 Cari amici Francesi, non incolpate gli anglosassoni per le vostre rivoluzioni contro Dio. È qui, e non altrove, la fonte avvelenata di tutti i vostri problemi politici che ora avvelenano il mondo. I problemi costosi non hanno soluzioni a buon mercato. Tradire Dio è un problema che non ha soluzioni meramente politiche! 

5 È vero che gli Stati Uniti e l’Inghilterra hanno molto da rimproverarsi, ma non sono mai stati concepiti da Dio per essere a capo delle nazioni. Né la Francia egoisticamente nazionalista è stata concepita da Dio per questo, ma solo la Francia altruisticamente Cattolica, alla maniera dell’Arcivescovo Lefebvre. Guardate cosa ha ottenuto la sua devozione Francese. 

6 Perché la Francia è attualmente guidata da individui così “infami”? Perché questi sono gli uomini attualmente votati, se così si può dire, dalla “politica” in una “democrazia”. E lo stesso accade in tutta Europa. L’uomo moderno non crede in Dio o nella religione, ma nell’uomo e nella politica. È una sorpresa la spazzatura che ne deriva? 

7 Non c’è da stupirsi che il bravo scrittore nazionalista arrivi a una soluzione così debole. È vero, i monaci medievali hanno nascosto, secoli dopo, i tesori della cultura antica a beneficio di tutta l’umanità, ma da cosa erano motivati? Non dalla politica, ma da quella religione che insegnava il valore duraturo della Bellezza, del Bene e della Verità. 

Naturalmente la politica è soggetta alla religione o alla mancanza di religione, e la religione o la sua mancanza governa la politica. Il motivo non è difficile a capire. Dio esiste, infinitamente al di sopra delle Sue creature puramente umane, e in Lui tutte “vivono, si muovono e hanno il loro essere” in ogni momento della loro esistenza (Atti XVIII, 28). La politica non può essere così vicina a nessun uomo vivente. Infatti, la religione è il rapporto che ogni uomo deve avere con questo Dio così profondo in lui, mentre la politica è solo il rapporto esteriore che ha con i suoi simili. Ma se un uomo rifiuta di credere in Dio, allora, la sua politica diventa la sua religione sostitutiva. Fate attenzione, nazionalisti! 

Kyrie eleison

LA CADUTA dell’EUROPA – I

LA CADUTA dell’EUROPA – I posted in Commenti Eleison on Dicembre 16, 2023

Ai nazionalisti Francesi possiamo dare retta o meno,

Ma dei Cattolici Francesi abbiamo assolutamente bisogno.

Il crollo della Francia e dell’Europa nel suo complesso è una realtà catastrofica. Non è avvenuto da un giorno all’altro. L’indebolimento è in atto da molto tempo, così come i nazionalisti francesi hanno potuto osservare, prevedendo le gravi conseguenze per la società e la civiltà, che ora sono evidenti. Diversi scrittori di spicco e riviste come Rivarol, hanno da tempo lanciato l’allarme col susseguirsi di eventi oscuri. 

Dopo il crollo dell’impero coloniale Francese e il tradimento dell’Algeria Francese, la rivolta studentesca del 1968 a Parigi dimostrò che, in generale, il popolo Francese era pronto ad accettare il rovesciamento di tutto il buon senso, della Tradizione, della sana morale e di tutto ciò che faceva la grandezza della nostra civiltà. Poi sono arrivati la legalizzazione dell’aborto, un governo socialista nel 1981, l’antirazzismo, l’immigrazione programmata, la destrutturazione della famiglia, gli LGBT, i transgender, la pedofilia, l’adrenocromo (un vero orrore), il commercio di organi, il “cambiamento climatico”, le scie chimiche, ecc. Eppure le reazioni dell’opinione pubblica furono scarse. La gente poteva essere un po’ scossa per un momento o due, ma presto si calmava di nuovo. Nonostante tutto ciò si parla di “aumento del tenore di vita”, come se ci fosse stato un vero e proprio miglioramento della vita, mentre in realtà si è trattato solo di un miglioramento tecnologico della produzione che ha reso disponibili più beni materiali. Il risultato è stato la necessità di raddoppiare gli stipendi in famiglia, cosa che ha diviso la madre dalla casa, soprattutto se non le piace fare la madre. 

Per un’intera epoca la Francia ha irradiato il mondo, in generale per il bene, ma ora sta affondando in un declino morale ed economico, in una crisi sociale e intellettuale tale da non poter più esercitare alcuna influenza. E, cosa peggiore, rifiuta, disprezza e ignora tutto ciò che un tempo aveva realizzato. Eppure, sorprendentemente, quell’“Occidente”, che non è più altro che il burattino di padroni satanici che sono un’oligarchia di globalisti materialisti e gnostici, si comporta ancora come se avesse la vocazione di guidare il mondo, un po’ come gli ebrei talmudisti che si spacciano per il sacerdozio dell’umanità. 

E con quella mostruosa menzogna chiamata Covid, progettata per testare fino a che punto può spingersi la manipolazione dell’uomo moderno, i popoli dell’Europa di Carlo Magno si sono rapidamente asserviti ai banchieri di Londra e New York. Il piano di spopolamento alla base di Covid risale almeno agli anni ‘70, quando Jacques Attali, ancora oggi consigliere chiave del governo Francese, in un’intervista pubblica, disse: “i mangiatori inutili sono buoni per il macello”. Da qui le pericolose e mortali “vaccinazioni”. 

Per quanto riguarda la Francia, essa viene fatta a pezzi e venduta per profitto agli Stati Uniti e agli interessi privati. Quanto all’Europa, è dilaniata dall’attacco USA–NATO alla Russia, con i vili mass-media e i loro commentatori che vomitano menzogne contro la Russia, mentre soprattutto l’intera classe politica tace. Con la loro guerra per procura in Ucraina, che ha ucciso mezzo milione di bianchi, gli Stati Uniti hanno ottenuto almeno un risultato: la potenza economica dell’Europa e la concorrenza della Germania sono state spezzate – le aziende tedesche si stanno trasferendo in America. Gli Americani non si rendono conto di come la storia dimostri che tali “conquiste” sono segni dell’imminente caduta di un impero. Inoltre, l’Occidente ha legato il suo destino a quello dello Stato di Israele che venera, ma il resto del mondo rifiuta questa arroganza e degenerazione, e non accetta ciò che Israele sta facendo ai Palestinesi. 

La totale mancanza di reazione di tutte le più alte istituzioni Francesi segna la fine di un mondo. Stanno a guardare, silenziosi e docili, mentre la Francia rotola nella pattumiera della storia. Alcuni sperano che duri il loro tempo, altri continuano a sonnecchiare, ubriachi della loro stessa propaganda. Chi è al potere cerca di mettere a tacere ogni opposizione, mentre la Guerra Mondiale incombe sulle loro teste. 

Il nostro compito in politica è quello di fare tutto ciò che può avere un effetto, ma è soprattutto quello di preservare i migliori frutti del glorioso passato della Francia per un futuro migliore, allo stesso modo dei monaci che preservarono nei monasteri le glorie dell’antichità, quando nel VI secolo l’Impero Romano veniva sommerso dai barbari. Queste glorie, custodite e tramandate, hanno avuto un ruolo importante nella costruzione di 1500 anni di civiltà Europea e Cristiana. 

Kyrie eleison