Categoria: Commenti Eleison

Identitá Bianca – II

Identitá Bianca – II posted in Commenti Eleison on Febbraio 13, 2021

Continua il dialogo con un giovane bianco di oggi che cerca di capire chi è e quale sia la sua identità, ma che teme di cercarla nella direzione di Cristo, perché il Cristianesimo gli appare subalterno al Giudaismo, e i Cristiani inferiori agli Ebrei. Tuttavia non può credere che Cristo sia inferiore all’Antico Testamento.

Ho imparato che Noè non era ebreo! Allora quando i Gentili si differenziarono dagli Ebrei?

Con Abramo, intorno al 2000 a.C. Adamo ed Eva furono creati da Dio intorno al 4000 a.C., ma nei successivi mille anni l’umanità raggiunse una degenerazione tale che, intorno al 3000 a.C., Noè fu eletto da Dio per salvare l’umanità dal Diluvio necessario per dare al genere umano un secondo inizio, a partire da otto sole anime rifugiatesi sull’Arca. Dopo altri mille anni l’umanità si era nuovamente corrotta, e questa volta Dio scelse Abramo per formare una razza di uomini (i futuri Ebrei) che, separati dalla corruzione del resto della popolazione (i futuri Gentili), sarebbero stati idonei a fornire, dopo altri duemila anni, le condizioni umane al Messia, Salvatore di tutti gli uomini, Gesù Cristo. Così la razza ebraica fu, da Abramo a Gesù Cristo, il Popolo eletto da Dio per servire tutta l’umanità, ma quando il Messia arrivò e stabilì che il Popolo di Dio non lo sarebbe più stato per l’appartenenza alla razza, ma adottato per Fede, allora gli Ebrei, in balia di un falso messianismo temporale, e feriti nel loro orgoglio, si rivoltarono contro Dio, uccisero il Suo Messia e si fecero il popolo eletto di Satana.

Allora gli Ebrei diedero origine al Cristianesimo?

Il Cristianesimo è in parte umano e in parte divino. La parte divina ha origine esclusivamente dalla Santissima Trinità, tre Persone distinte ma con un’unica natura divina, e attraverso il Dio-uomo, la Seconda Persona della Santissima Trinità, Gesù Cristo. È solo dalla parte umana, Maria, Giuseppe, i Dodici Apostoli, ecc., che il Cristianesimo ha origine dagli Ebrei rimasti fedeli alle promesse di Dio nel Messia, ed è verso questi Ebrei, che dopo Cristo abbandonarono l’Antica Alleanza per la Nuova, che tutti i Cristiani hanno un enorme debito.

Allora il Cristianesimo è una manipolazione degli Ebrei a danno dei Gentili?

Niente affatto, e non lo è mai stato, perché Dio fece degli Ebrei il Suo strumento umano per diffondere la Sua Verità e garantire la salvezza anche ai Gentili. Ma gli Ebrei in gran parte abbandonarono la Fede in Cristo subito dopo – mistero di iniquità, orgoglio – ma i Gentili raccolsero la loro eredità e la conservarono fino al Vaticano II (1962–1965), quando anche loro abbandonarono, essenzialmente, il Cristianesimo – mistero di iniquità, predetto nella Scrittura (Lc. XXI, 24).

Allora anche il Nuovo Testamento si basa sulla mentalità ebraica?

Sì, ma nel senso che, per comunicare agli Ebrei e ai Gentili, contemporanei di Gesù Cristo, le grandi nuove verità di salvezza, come nelle epistole di san Paolo, Dio si servì del cervello umano degli Ebrei. Ma subito dopo quegli inizi, i Gentili subentrarono agli Ebrei, e spettò ai primi tramandare la Rivelazione e a iniziare la Tradizione Cattolica, uniche fonti della Verità divina.

Giacobbe era il figlio prediletto di Isacco, Esaù il figlio negletto. Gli Ebrei chiamano i Cristiani Esaù. Hanno ragione nel ritenere che i Cristiani siano negletti in confronto a loro, agli occhi di Dio?

Niente affatto, è il contrario. Leggi Romani IX, 6–9. Esaù, il primogenito, che rigetto la primogenitura, è la figura degli Ebrei, figli di Abramo secondo la carne, che respinsero il Messia, mentre Giacobbe, il secondogenito, è figura dei Cristiani, figli della promessa. “E il maggiore sarà sottomesso al minore”. San Paolo ha lottato contro la confusione dei suoi ascoltatori, circa il rapporto tra Ebrei e Gentili, en tre Epistole maggiori: Galati, Romani ed Ebrei. Il suo insegnamento è la Parola di Dio, la Scrittura, fondamentalmente chiara e assolutamente autorevole. Leggi quelle Epistole.

Hanno ragione gli Ebrei nel ritenere i Gentili degli stupidi?

Certamente, quando i Gentili abbandonano Cristo, gli Ebrei possono facilmente dominarli, come accade oggi. Ma quando i Gentili restano fedeli a Cristo, il che significa che sono fedeli a Dio e alla Verità, allora né gli Ebrei né i Comunisti possono ingannarli, ed è allora che la vera civiltà fiorisce e molte più anime vengono salvate, come nel Medioevo.

Kyrie eleison.

Identitá Bianca – I

Identitá Bianca – I posted in Commenti Eleison on Febbraio 6, 2021

Una giovane coppia di bianchi che legge questi “Commenti” vorrebbe tornare in Chiesa, ma il marito di 31 anni è indeciso a causa di un sospetto assai diffuso tra i fedeli e non solo: l’attuale mancanza di identità per i bianchi. Sia lui che sua moglie hanno degli antenati tedeschi, e quindi, in cerca di identità, sono stati seriamente attratti dal paganesimo germanico. E pur essendo entrambi nati Cattolici dubitano che la loro istruzione Cattolica sia stata autentica. Le domande che pone lo dimostrano, ma rivelano anche che sta cercando la verità, e se sarà perseverante nella sua ricerca può essere sicuro che Dio gli darà le risposte di cui ha bisogno. Queste sono le sue domande.

Il paganesimo germanico è la nostra vera identità?

Sì e no. La vera identità di un essere umano è andare in Paradiso per essere beatamente felice con Dio per tutta l’eternità. Questo è il motivo per cui così tanti giovani (e anziani) sono profondamente insoddisfatti oggi del loro modo di vivere materialistico: sanno di essere destinati a qualcosa di molto di più, ma non sanno cosa. Ora, c’è molto di nobile nel paganesimo germanico, per esempio nelle opere di Richard Wagner, ma è del tutto incapace di condurre un uomo in Paradiso perché è privo della grazia soprannaturale. Solo la grazia può aprirci il paradiso di Dio. E la grazia di Dio è disponibile per noi solo attraverso l’unica vera religione di Dio, che è la religione Cattolica Romana. Se la rifiuto, rifiuto il Paradiso. Questa religione, ad esempio per mezzo di Carlo Magno, ha creato l’Europa e ha forgiato l’identità di tutte le nazioni europee bianche. Hilaire Belloc (1870–1953) disse: “L’Europa è la Fede (Cattolica) e la Fede è l’Europa”.

Ma il Cristianesimo è stato inventato dagli ebrei?

La religione Cattolica non è stata inventata da nessun essere umano o creatura. Fu “inventato” dall’eternità unicamente da Dio, ed è stata rivelata agli uomini attraverso il Suo Figlio Divino, Gesù Cristo, che come uomo era un ebreo, il figlio di Maria, e che fu aiutato a fondare la Chiesa Cattolica da un piccolo numero di Ebrei (Giovanni IV, 22). Ma furono anche Ebrei (Mt. XXVII, 20), i capi e il popolo che crocifissero Gesù, e da allora la grande maggioranza degli Ebrei ha odiato Cristo e ha fatto del proprio meglio per perseguitare la Sua Chiesa. Quindi, se i migliori Israeliti erano incomparabili amici di Dio, i Talmudisti (Ebrei pervertiti) sono stati i Suoi più incomparabili nemici. È essenziale distinguere tra Ebrei come San Paolo ed Ebrei come Caifa. L’enorme differenza è tra coloro che accettano Cristo e coloro che Lo rifiutano. Tutto ruota attorno a Cristo.

Ma il Nuovo Testamento non sta ancora giocando al gioco dell’Antico Testamento, per così dire? I Cristiani non continuano ad adorare gli Ebrei e a seguire il loro “disegno” e le loro “regole”?

I Cristiani non adorano nessun altro se non Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo, cioè la Santissima Trinità rivelata da Gesù Cristo, una rivelazione che supera di gran lunga quella di tutti gli altri Ebrei messi assieme. Gesù Cristo era Dio. Gli Ebrei erano semplici uomini.

Allora perché Dio nell’Antico Testamento era tanto protettivo quanto infastidito dagli Ebrei?

Perché Dio aveva affidato loro il grande compito di preparare la venuta del Messia sulla terra, ma spesso tradirono la loro missione. I nostri vili media sbandierano la parola “antisemitismo” come se gli Ebrei non possano mai essere cattivi, e invece possono essere davvero molto cattivi. Quindi meritano una punizione, come chiunque altro.

Ma perché Dio ha scelto, tra tutti i popoli, in particolare gli Ebrei?

Doveva scegliere alcune persone per fornire al Messia una Madre umana, una famiglia, un villaggio, un popolo e una pratica religiosa. Con Maria, Giuseppe, Nazaret, il Tempio di Gerusalemme e la religione mosaica, gli Ebrei hanno garantito al Messia la Sua struttura terrena, seppur poi, la parte corrotta di loro Lo ha crocifisso a causa del loro orgoglio.

Perché gli Ebrei in particolare? È un mistero di Dio. La Belloc diceva: “Che strano da parte di Dio scegliere gli Ebrei!”.

Kyrie eleison.

Il Secondo Diluvio

<b>Il Secondo Diluvio</b> posted in Commenti Eleison on Gennaio 30, 2021

Ripeto, l’attore principale del dramma mondiale Covid che si svolge intorno a noi, è nientemeno che Dio Onnipotente. Ovviamente Egli non ha alcun ruolo nei tanti peccati commessi e nel male perpetrato dall’attuale Rivoluzione noachide, ma è Lui che ha creato l’universo, ed Egli sostiene nell’esistenza ciò che ha creato per ogni momento che esiste, senza di Lui tutto crollerebbe nel nulla. E per quale scopo l’ha creato? Per popolare il Suo paradiso con creature razionali, angeliche o umane, che avranno fatto uso della loro esistenza e del loro libero arbitrio, donati da Dio, per scegliere, alle condizioni di Dio, di accettare la Sua offerta di eterna beatitudine nel Suo Regno. E con una saggezza divina infinitamente superiore a tutta la comprensione umana, governa così tutta la vita qui sulla terra, in modo che ogni anima umana che raggiunge l’età della ragione non solo ha prove sufficienti per mostrare che ama Dio bastante per meritare il paradiso, ma anche le grazie attuali necessarie per poterlo raggiungere, se vuole.

Quindi, in ultima analisi, è Dio che sta dirigendo quello che possiamo chiamare il crollo dell’Occidente, proprio come ha diretto il Diluvio al tempo di Noè, per punire l’umanità peccatrice e per impedire che popolasse l’inferno invece del paradiso. Infatti la punizione era anche una grande misericordia, perché tutta l’umanità aveva “corrotto le sue vie” (Genesi VI, 11–12) ed una grande massa di uomini era inesorabilmente destinata alla dannazione eterna e – come oggi – a portare praticamente tutti con sé. Tale era stato l’effetto del peccato originale nel corso dei circa mille anni, da Adamo ed Eva. E quando una minorità degli uomini si resero conto che le acque del Diluvio non avrebbero lasciato loro scampo, approfittarono del cataclisma per pentirsi e compiere un sincero atto di contrizione sufficiente a salvare le loro anime per l’eternità. Chiedete a una qualsiasi di quelle anime, ora in cielo, se il Diluvio non è stato un enorme atto della misericordia di Dio!

Così è anche oggi. L’umanità, con il materialismo Occidentale, ha corrotto le sue vie su tutta la terra, ma ancor più che ai tempi di Noè, perché questa volta ha avuto luogo l’Incarnazione, e dopo averne approfittato per due mille anni, adesso gli uomini stanno respingendo non solo Dio ma anche il Dio incarnato, visibilmente crocifisso per loro, umiliato ed immolato per dotarli di una Chiesa che li aiuti a salvare le loro anime. E peggio ancora, questa volta i Suoi stessi uomini di chiesa lo hanno praticamente respinto, sin dal Vaticano II. Siamo ormai a 56 anni dalla fine del Vaticano II e la corruzione avanza al galoppo. Ora, potrebbe qualcuno accusare Dio di aver avuto troppa fretta di colpire, come ha colpito nel 2020? Difficilmente. O qualcuno potrebbe dire che ha iniziato a colpire con una mano troppo pesante? Difficilmente, soprattutto se ci fermiamo solo un attimo a pensare alle prossime calamità già annunciate quali veri e propri crolli economici, guerre civili e carestie. E se e quando questi verranno, per malizia degli uomini e solo per il permesso di Dio, chi potrà dire che erano immeritati?

Eppure Dio è paziente con ognuno di noi, e la Sua misericordia dura per sempre, solo che deve colpire e continuare a colpire abbastanza forte finché non impariamo la nostra lezione e ricominciamo di nuovo a pensare di conquistarci il paradiso. E per coloro i quali la lezione, per quanto dura, arriverà troppo tardi, provocherà solo maledizioni contro il loro Creatore, contro i propri simili, contro la vita, contro i politici, contro chiunque, eccetto l’unica persona veramente responsabile della propria angoscia, cioè se stessi.

Perciò, in tutto ciò che sta arrivando vedrò la mano (senza peccato) di Dio, e mi inginocchierò per pregarLo di avere pietà di noi poveri peccatori. Gli uomini non possono più ripulire il loro casino, possono solo peggiorare le cose. Con la grazia di Dio avrò compassione di tutti loro, e farò quello che posso per aiutarli a salvare le loro anime, ma solo da Dio mi aspetto vere soluzioni. E di certo avrà la saggezza e il potere di dirigere tutto per il meglio, questo lo so in anticipo.

Kyrie eleison.

Ri-Orientamento della FSSPX

Ri-Orientamento della FSSPX posted in Commenti Eleison on Gennaio 23, 2021

Lo scorso Novembre don Pagliarani, Superiore Generale della FSSPX, ha scritto una lettera per commemorare il 50 ° Anniversario di fondazione della Fraternità. Don Edward MacDonald, sacerdote della “Resistenza” in Australia, ha scritto un prezioso commento a quella lettera, riassunto qui sotto:

1. Don Pagliarani chiede: “È ancora viva la fiamma (della carità senza paura) trasmessa dal nostro Fondatore? Esposta ad una crisi indefinitamente prolungata sia nella Chiesa che nel mondo, questa preziosa torcia non rischia di indebolirsi e spegnersi?”. Ma nella sua lettera, Don Pagliarani non risponde alla sua stessa domanda.

2. In tutta la sua lettera Don Pagliarini accenna appena al Concilio Vaticano II. Tuttavia, se non ci fosse stato il Vaticano II, non ci sarebbe stato bisogno della FSSPX. La Roma moderna è la fonte di tutti gli errori di Fede, dottrina e morale contro i quali la FSSPX ha combattuto. I Papi postconciliari hanno implementato gli insegnamenti del Concilio. Il Vaticano è la sede dell’apostasia. Don Pagliarani non fa cenno agli errori del Vaticano II. Perché no? Per lui quella battaglia è finita. La FSSPX è ora con il Vaticano II e la Chiesa Conciliare, contro il movimento della “Resistenza”.

3. Don Pagliarani riduce la lotta alla “vita spirituale”. Per l’Arcivescovo Lefebvre il regno di Nostro Signore Gesù Cristo è il primo fine e portare la vita spirituale nelle anime ne è la conseguenza. Ma Don Pagliarani considera primaria la vita spirituale, dicendo: “la nostra lotta è permettere a Nostro Signore Gesù Cristo di essere l’asse della nostra vita spirituale, la fonte di tutti i nostri pensieri, di tutte le nostre parole e di tutte le nostre azioni”.

4. Secondo Don Pagliarani, è stato detto tutto. Non è rimasta alcuna battaglia dottrinale da intraprendere. La FSSPX continuerà a parlare, presumibilmente ripetendo vecchi argomenti, contro gli errori del Vaticano II. Infatti la FSSPX non sta parlando contro gli errori del Vaticano II. Ci sarebbe molto da dire di nuovo su come il Papa continui a trarre nuovi errori dai documenti del Vaticano II. La risposta ad Amoris Laetitiae è completa? Se la FSSPX non ha nulla di nuovo da dire è perché ha cessato di combattere gli errori Vaticani.

5. Monsignor Viganò sta trovando molte cose nuove da dire sugli errori della Chiesa Conciliare. La FSSPX non può dire queste cose perché ha capitolato ed è stata messa a tacere. Essa non può più difendere i diritti di Nostro Signore Gesù Cristo. Nel Novembre 2020 Don Daniel Themann, Superiore del Distretto della FSSPX in Australia, ha proibito ai membri di protestare pubblicamente contro un pubblico rito satanico nel Queensland. Fecero riparazione discretamente nella loro cappella.

6. Nella lettera di Don Pagliarani la stanchezza è un tema ricorrente. Ma la stanchezza non appartiene ai santi. Essi non si stancano mai, non si stancano mai della battaglia. Monsignor Lefebvre non si stancò mai della lotta. Era già in pensione quando si rese conto che doveva prendere le armi in una nuova battaglia contro la Chiesa Conciliare. La FSSPX è stanca e affaticata ed ha deposto le armi. Non ha “niente di nuovo da dire”.

7. Negli ultimi quindici o più anni i seminari della FSSPX non hanno più fornito ai seminaristi la formazione dottrinale necessaria per combattere gli errori moderni. Il modernismo e il liberalismo sono stati promossi nei seminari. Gli ordinandi sono disposti a scendere a compromessi sulla verità. Collaborano con entusiasmo e si sottomettono ai vescovi diocesani modernisti. Don Wegner, ex Superiore del Distretto degli Stati Uniti, una volta si vantava di aver stretto accordi con quaranta vescovi statunitensi, tutti liberali, conciliari e modernisti.

8. Ogni sacerdote che è rimasto nella FSSPX dopo la sua capitolazione ha deciso esplicitamente, o almeno tacitamente, di accettare questo nuovo orientamento della FSSPX. Non sono più Cattolici militanti. La Chiesa è indefettibile. La FSSPX non lo è mai stata. Ha disertato.

9. Ora non c’è più nessuna importante organizzazione che si opponga alle forze del male atee e comuniste all’assalto e alla conquista della società. La sterilizzazione della FSSPX ha spento l’ultima grande fonte di grazia e benedizioni per il mondo. Le poche sacche di resistenza rimaste sono incapaci di fermare, o anche solo di ostacolare, la schiavitù comunista del mondo.

Kyrie eleison.

Questioni Sulla SSPX

Questioni Sulla SSPX posted in Commenti Eleison on Gennaio 16, 2021

Un lettore preoccupato da ciò che vede o sente circa la fedeltà della Fraternità San Pio X alla missione affidatale dall’Arcivescovo Lefebvre, ha posto alla nostra Rubrica una serie di importanti e diffuse domande, alle quali l’autore di questi “Commenti” offre in risposta alcune considerazioni:

1. Ci sono state voci di infiltrazione nella FSSPX. Alcune di queste voci suggeriscono che esse risalgono all’inizio della sua fondazione, altre sostengono che ci sia voluto del tempo prima che la Fraternità fosse infiltrata.

Senza dubbio i classici nemici della Chiesa, che osservavano da vicino l’opera di Nostro Signore già ai Suoi tempi, capirono rapidamente quale minaccia ai loro intrighi rappresentasse l’Arcivescovo Lefebvre e la sua Fraternità, composta da una nuova generazione di sacerdoti fedeli al Magistero millenario dalla Chiesa Apostolica. Tuttavia, io per primo posso dire di non aver mai individuato un chiaro e consapevole nemico infiltrato. Piuttosto potevo riconoscere alcuni discepoli di Monsignore che cessavano di mettere in pratica gli insegnamenti ricevuti e la necessità di obbedire solo selettivamente agli ordini che provenivano dalle autorità della Chiesa conciliare a Roma e nelle diocesi. Questi sacerdoti hanno fatto molta strada non esattamente per infiltrarsi, ma piuttosto per cambiare la FSSPX dall’interno. Se oggi difendessero ancora la Fede come ha fatto Monsignore, potrebbero fare del bene a una gran massa di Cattolici che hanno riconosciuto il tradimento del Vaticano II, aiutandoli a vedere come e dove la vera Chiesa sta sopravvivendo. Invece, la lealtà dei leader della FSSPX sembra ora essere passata ai funzionari del Vaticano II a Roma, e molte di quelle anime che avrebbe potuto convertire le sta invece confondendo.

2. Quindi la FSSPX è stata infiltrata e, in caso affermativo, da chi?

A dire il vero, forse, una vera e propria infiltrazione non c’è mai stata. Quello che è avvenuto e che avviene, è un più o meno consapevole allontanamento dalla comprensione di Monsignore relativamente al Vaticano II e ai suoi funzionari. Il problema è stato il graduale assecondamento, da parte dei leader della FSSPX, del fantasioso pensiero mondano di oggi, e il corrispondente distacco dalla realtà, a cui molti umili sacerdoti sono, grazie a Dio, rimasti immuni. Il problema di questi leader non è stato tanto dottrinale e teorico, quanto pastorale e pratico, non essendo stati in grado di cogliere appieno il male del mondo moderno ed applicare gli insegnamenti nel XXI sec. Sono troppo “simpatici”.

3. Alcuni blog hanno riportato la notizia, diffusa dall’europarlamentare tedesco Maximilian Krah, secondo cui una nota famiglia ebrea austriaca, di nome “Von Gutmann”, un tempo finanziata dai Rothschild, abbia dato soldi alla FSSPX tramite una Fondazione. Chi è questa famiglia e perché stanno dando soldi alla FSSPX?

È una famiglia ebrea austriaca. Ricordo come la signora Von Gutmann fosse un’autentica convertita in buona fede, e che lasciò ingenti somme di denaro alla FSSPX in Austria per aiutare la Tradizione Cattolica a prosperare lì.

4. Si dice su Internet che l’Arcivescovo Lefebvre fosse un sedevacantista? È vero?

Monsignore ha avuto, da Paolo VI in poi, una certa simpatia per il sedevacantismo come possibile soluzione al problema teologico, immensamente grave, dei Vicari di Cristo distruttori della Chiesa. Per due volte – nel 1976 e nel 1985 – ha considerato in pubblico la possibilità che gli apparenti Papi a Roma non fossero veri Papi. Ma non ha mai optato per quella soluzione, e spesso la considerava solo per confutarla. Era convinto che il sedevacantismo sollevasse più problemi di quanti ne risolvesse.

5. Perché l’attuale leadership della FSSPX non si riconcilia con Roma? Cosa ne pensi?

Penso che molti dei suoi migliori sacerdoti giudichino ancora Roma e i Romani come li giudicava Monsignore. Ed è per questo che per i leader della FSSPX sarà difficile scivolare tra le loro braccia. Ma questi sacerdoti farebbero meglio a stare attenti!

Kyrie eleison.

Madiran – Conclusione

Madiran - Conclusione posted in Commenti Eleison on Gennaio 9, 2021

Dopo aver dedicato a “L’eresia del XX secolo” del 1968 di Jean Madiran (1920–2013) sette numeri di questi “Commenti”, che considerano separatamente il Prologo e le sei Parti del libro, varrà la pena di ricucire le Parti per ricavare le principali lezioni relative alla situazione della Chiesa e del mondo di oggi, e una conclusione generale: come e quando la Chiesa ha smarrito la sua strada?

Fin dal Prologo Madiran ha sottolineato diversi punti chiave: il problema era all’interno della gerarchia ecclesiastica, nei i vescovi che, già cent’anni prima, in nome del progresso, avevano levato l’ancora e provocato un processo sovversivo che dalla metà del XX secolo sta portando il Cristianesimo al Comunismo. Il dramma è iniziato molto prima del Vaticano II. Alla radice c’è la perdita della Fede da parte dei vescovi . Il risultato finale sarà il trionfo del Comunismo. Nel 2020 la menzogna Covid ha aperto le nostre porte al Comunismo.

Nella Parte I Madiran ha messo a nudo, come ha fatto Pio X nella sua Enciclica Pascendi del 1907, il presupposto filosofico dell’apostasia dei vescovi, che hanno tradito la retta ragione sostituendola col soggettivismo della filosofia moderna, per cui qualsiasi verità, incluso il dogma Cattolico, diventa facoltativa. Abbandonata la realtà oggettiva, è l’oggetto che si deve adeguare alla mente piuttosto che la mente all’oggetto. L’uomo si è dunque emancipato dalla realtà. Questi folli principi sono il presupposto del disordine spirituale e morale della Chiesa e del mondo di oggi, in tutti i campi.

Nella Parte II Madiran denuncia l’abiura dei nuovi vescovi a favore di nuova religione che poteva solo essere in guerra con la religione Cattolica. I nuovi vescovi non avevano alcun diritto di imporre la loro falsa religione e, come ogni Cattolico laico, anche Madiran aveva tutto il diritto di opporsi a loro. È meraviglioso nel 2021 vedere un Arcivescovo Viganò assumere esattamente questa posizione, come ha fatto Mons. Lefebvre. C’è una verità Cattolica oggettiva e immutabile che la Provvidenza sostiene e che autorizza i Cattolici a non seguire i loro vescovi in errore grave.

Nelle Parti III, IV e V Madiran spiega il contenuto dell’eresia del XX secolo in sette Proposizioni, desunte dagli scritti del Vescovo di Metz che ha meglio inquadrato quell’eresia: 1 Tutto sta cambiando oggi, e quindi bisogna cambiare lo stesso concetto di salvezza di Cristo, 2 attraverso la socializzazione, perché 3 la fede di oggi deve ascoltare il mondo, e 4 la socializzazione del mondo è una grazia. 5 Infatti nessuna epoca è stata così fraterna, 6 né ha guardato avanti, cioè ha sperato, come quella atturale. Madiran commenta che questa socializzazione fraterna e piena di speranza equivale a una nuova religione, e la nuova religione è il Comunismo. E infatti, sin dal Vaticano II gli ecclesiastici si sono orientati sempre di più a Sinistra, e la loro religione umana è stata la loro nuova crociata, e l’uomo è stato il loro nuovo dio. E Gesù Cristo, la sua Madre Benedetta, il Paradiso e l’Inferno sono diventati un ricordo da dimenticare.

Nella Parte V Madiran presenta la settima Proposizione del Vescovo di Metz: 7 La legge naturale viene dall’interno dell’uomo, in altre parole non esiste una legge oggettiva per l’uomo che viene dall’esterno o che lo trascende. In altre parole non esiste la natura, il soprannaturale, i Dieci Comandamenti, nessuna vera carità, nessuna possibilità di società, per non parlare della società Cristiana. Tale sovversione consente solo il Comunismo. Qui è dove siamo arrivati, e molto più nel 2021 che nel 1968. In questa Parte Madiran scava fino alle radici stesse del disorientamento del mondo e dell’uomo moderno, che fanno dello Stato di polizia l’unica società possibile.

Madiran termina il suo libro con la Parte VI che ha concluso subito dopo aver vissuto le rivolte studentesche a Parigi della primavera del 1968, e che convalidavano le sue clamorose conclusioni. Nella Parte II aveva condannato i vescovi della Neo-Chiesa e le loro immonde teorie che stavano trasformando i giovani di allora in futuri barbari. Ed eccoli poco dopo a riempire di caos le strade di Parigi nel 1968 (e le strade degli USA nel 2020). Madiran ritiene i vescovi responsabili. Il Comunismo è una falsa soluzione. Dio solo è la Vera soluzione.

Kyrie eleison.